Presentata in Regione la diciottesima edizione di AltroCioccolato

PERUGIA – Altrocioccolato diventa maggiorenne e celebra questo traguardo ancora a Città di Castello con una nuova edizione che dal 25 al 27 ottobre 2019 animerà l’autunno umbro.

Questa mattina si è svolta la conferenza stampa di presentazione presso la Sala della Partecipazione di Palazzo Cesaroni a Perugia alla presenza del Presidente di Umbria EquoSolidale, Massimo Luciani, dell’Assessore regionale alla Cultura, Fernanda Cecchini, all’Assessore al Commercio del Comune di Città di Castello, Riccardo Carletti e ai Servizi Sociali, Luciana Bassini, dell’Ufficio Affari Europei e Relazioni Internazionali della Regione Umbria, Milena Tomassini, e di uno dei rappresentanti dell’Associazione Equo Garantito, Fabrizio Cuniberti.

“É da anni che si svolge questo appuntamento collettivo e catartico che apre e chiude una stagione che non si misura primariamente sui bilanci e sui flussi materiali, ma sulla forza morale, sull’etica dell’impegno, sulla capacità di solidarizzare. E vista da questa ottica si può ben dire, che nulla si è esaurito delle energie della prima edizione – così esordisce in conferenza stampa il Presidente di Umbria EquoSolidale, Massimo Luciani – è vero che sono cresciute le difficoltà, sono aumentati i problemi organizzativi e gestionali, siamo tutti più precari ma anche più resilienti, ma con la maturità della manifestazione, siamo tutti più consapevoli che un evento come questo, se non ci fosse bisognerebbe inventarlo. Nel panorama degli eventi culturali dove il tema del cibo si profila sotto tutti i punti di vista, Altrocioccolato fa molto di più, perché al cibo assegna primariamente il valore sociale, ancorato ai principi umani di giustizia, solidarietà, equità, sostenibilità.
Camminare tra i banchi del cioccolato, dei prodotti del commercio equo, degli artigiani o dei produttori agricoli – continua il Presidente Luciani – significa passare attraverso storie ed esperienze di produttori svantaggiati che non avranno mai accesso ai ricchi mercati o che sarebbero sottoposti ad una intensa morsa di sfruttamento, significa osservare in modo trasparente le filiere produttive, sperimentare pari dignità e diritti tra uomini e donne, significa poter conoscere il vero prezzo delle cose che si possono comprare, significa poter consumare senza impattare pesantemente sull’ambiente e la biodiversità, e molto altro”.

Protagonisti principali della kermesse saranno naturalmente tutti sapori del cioccolato equo e solidale, quello buono davvero, quello che sostiene le economie solidali e il commercio equo a partire dalla difesa dei diritti dei produttori. Tre giorni di grande festa assolutamente da non perdere che, partendo dalla passione per il mondo del cacao e del cioccolato equo e solidale, abbracciano le più ampie tematiche della sostenibilità ambientale e della sensibilizzazione verso stili di vita e di consumo alternativi.
Una proposta, quella dell’Associazione Umbria Equosolidale, l’Associazione delle Organizzazioni Umbre del Commercio Equo e Solidale che è motrice dell’evento, non solo gastronomica ma anche e soprattutto culturale, rivolta a grandi e bambini, che intende informare e sensibilizzare il grande pubblico sulle modalità per RACCONTARE, VIVERE E FARE un’altra economia. Così, fra un assaggio di ottimo cioccolato artigianale e uno di street food a Km zero e bio, nelle piazze di Città di Castello si parlerà anche di beni comuni, di cura del territorio e del pianeta, di accoglienza e tolleranza, facendolo anche tramite linguaggi diversi e originali, per scoprire come abitare il pianeta con più consapevolezza sia non solo possibile, ma necessario.

“Sviluppo sostenibile, equità sociale, difesa dei diritti umani, solidarietà e accoglienza, l’impegno militante per salvaguardare il nostro pianeta dagli effetti nefasti dei cambiamenti climatici non solo sull’ambiente ma sulle stesse condizioni di vita. C’è tutto questo, e molto altro ancora – così esordisce l’Assessore regionale Cecchini – in una manifestazione straordinaria come è “Altrocioccolato” che valorizza da 18 anni il cioccolato equo e solidale e attraverso di esso i valori che sottende. Un traguardo che la Regione Umbria è orgogliosa di aver contribuito a raggiungere, sostenendo un evento culturale in cui si inseriscono le Giornate regionali del Commercio equo e solidale in attuazione della legge regionale del 2007, i cui principi sono quanto mai attuali. Saranno tre giorni di festa che serviranno a lanciare con forza, da Città di Castello e dall’Umbria – così prosegue la Cecchini – il messaggio di una comunità che vuol contrastare le disuguaglianze sociali, è consapevole dell’importanza della qualità della vita, delle produzioni locali, della tutela della biodiversità e dell’ambiente, del consumo responsabile e che invita ognuno a fare la propria parte per il presente e il futuro di chi abita la Terra”.
Altrocioccolato, infatti, s’inserisce ormai come da tradizione all’interno della tre Giornate Regionali del Commercio Equo e Solidale, denominate VIVERE EQUO, promosse e supportate dalla Regione Umbria attraverso la LR 3/2007, tra le prime leggi regionali in Italia che riconoscono e sostengono il commercio equo e solidale come ha poi ribadito anche da Milena Tomassini: “La Regione Umbria partecipa con interesse a questa prestigiosa e ormai consolidata manifestazione che costituisce un momento importante di promozione della conoscenza e della diffusione del Commercio Equo e Solidale.
La Regione Umbria riconosce, infatti, al commercio equo e solidale un valore sociale e culturale di grande rilievo- prosegue la Marini e l’approccio di tale forma di commercio – alternativo all’orientamento convenzionale – contribuisce, infatti, alla promozione dell’incontro e dell’integrazione tra culture diverse, favorendo la diminuzione delle disuguaglianze e, al contempo, una crescita economica – rispettosa dei diritti – dei Paesi in via di sviluppo”.

La manifestazione sarà divisa in aree tematiche all’interno del centro storico di Città di Castello: Piazza Matteotti ospiterà come di consueto il mercato dei cioccolatieri e le botteghe equo solidali umbre con i prodotti delle principali centrali italiane di importazione del Commercio Equo, mentre in Largo Gildoni lo street food Km zero e il palco dedicato agli spettacoli ed eventi musicali daranno vita a uno spazio urbano di convivialità e di festa per tutto il weekend. Piazza Gabriotti sarà invece dedicata ai laboratori per bambini e all’artigianato etico e ai produttori dell’economia solidale italiana e locale; in Piazza Fanti, la nuova piazza “Cult” di Altrocioccolato, si alterneranno convegni, incontri, dibattiti, mostre, proposte interattive. In Corso Vittorio Emanuele, infine, gli stand delle associazioni in collaborazione con l’associazione Pro Centro di Città di Castello. “Il valore di Altrocioccolato è nel suo mettere a sistema tutti gli aspetti del consumerismo, del consumo etico – ha dichiarato l’Assessore tifernate Luciana Bassini – una sensibilità in forte crescita, che, come tutte le tendenze, però rischia di rimanere in superficie. Il collegamento con i temi sociali in evidenza ci costringe a confrontarci su un livello più profondo dei semplici stili di vita per arrivare e a chiederci da che parte del mondo vogliamo sederci. Il comune – ha dichiarato l’Assessore al Commercio del Comune di Città di Castello, Riccardo Carletti – ospita Altrocioccolato per un condivisione di contenuti e per il suo contenitore, inserendola tra gli eventi del calendario cittadino. Riteniamo infine significativo il percorso compiuto negli anni da Altrocioccolato che da contromanifestazione si è trasformata in un format riconoscibile, autonomo e di successo. In fondo 18 anni è l’età dell’emancipazione”.

Per quanto riguarda gli ospiti internazionali, fra i produttori di commercio equo e solidale Altrocioccolato avrà il piacere di ospitare le donne palestinesi di AOWA (Association of Women’s Action, Ramallah) con un appuntamento previsto per la mattina del sabato con tanto di assaggi di gusti e aromi palestinesi. L’incontro è parte di un ampio progetto, “Bee the Change”, per il rafforzamento del settore apistico e a sostegno della filiera delle piante aromatiche e officinali per lo sviluppo socio-economico della Palestina. L’evento aprirà inoltre l’assemblea autunnale di Equo Garantito, che ospiterà operatori del commercio equo provenienti da tutta Italia.
“Il 2019 è l’anno in cui ricorrono 20 anni dall’approvazione della Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale. Un traguardo importante che vogliamo festeggiare insieme ai soci di Equo Garantito e a tutti coloro che ancora oggi dopo tanti anni si impegnano perché il Commercio Equo e Solidale diventi una scelta condivisa da tutti – queste le parole di Fabrizio Cuniberti di Equo Garantito – e per celebrare un momento così significativo, Equo Garantito ha scelto di organizzare la Assemblea dei Soci per sabato 26 ottobre nel bellissimo, goloso e conviviale contesto di Altrocioccolato, la manifestazione che da 18 anni in Umbria unisce economia sociale e Commercio Equo e Solidale a partire dalla passione per il cacao buono, giusto, rispettoso dei diritti umani e dell’ambiente. L’incontro di sabato mattina con le produttrici di Aowa della Palestina e lo svolgimento dei lavori assembleari nel pomeriggio – continua Cuniberti – lasceranno poi spazio ad una serata di festeggiamenti e condivisione dei ricordi di questi 20 anni, guardando al futuro con rinnovata energia e con la passione che da sempre ci contraddistingue per un mondo equo e solidale”.
Come tutti gli anni poi grande attenzione anche per i bambini con una piazza tutta dedicata ai laboratori, come “TUTTI DIVERSI, TUTTI UGUALI” – Esperienze di sé e dell’altro che, attraverso suggestioni multisensoriali, porta i più piccoli alla scoperta del valore della relazione con l’altro per sviluppare un’immagine positiva di sé. Ospite speciale di questa edizione sarà l’illustratrice Manuela Mapelli, con la sua mostra+laboratorio “COLORA LE PIAZZE”, un progetto itinerante nato dall’idea di trasformare cartelli e striscioni da manifestazione in poster illustrati che coloreranno piazza Gabriotti e faranno riflettere su tanti temi di attualità. Non mancheranno anche i consueti appuntamenti con le letture animate a cura dell’associazione Grow Hub.
La musica e l’arte di strada daranno come ogni anno il loro colorato contributo all’atmosfera di festa che si respira nelle piazze della Città: il pubblico assaggerà generi sonori variegati portati da artisti senza frontiere come il collettivo di cumbia Los3Saltos e i Ras Tewelde, band Reggae e gruppo di punta della serata di sabato, conosciuto ed apprezzato non solo in Italia ma anche in ambito internazionale.
Una curiosa novità sarà la presenza della web radio ufficiale della manifestazione, “Lautoradio”, che trasmetterà in diretta da Piazza Fanti seguendo tutti gli eventi e trasmettendo approfondimenti per conoscere gli ospiti della kermesse. Tra i nomi più attesi, quello del giornalista Angelo Mastrandrea, dello scrittore Angelo Ferracuti e di Christian Raimo con il progetto “Grande come una città”.