Per la “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne” a Citerna “Ofelia voleva soltanto nuotare”

CITERNA – Il comune ha pensato per il 25 novembre ad un incontro che è destinato a fare rumour in Italia ed ha già portato i suoi risultati in America.
Si tratta di un progetto culturale curato da Samuel Webster e Mariantonietta Anania insieme all’assessore alle politiche culturali che vede da una parte una bellissima mostra fotografica e dall’altra nozioni tecniche della nostra epoca digitale.
Il tutto sarà inaugurato alle ore 17.30 in Sala Ammassi, preceduto dai saluti istituzionali del vicesindaco Benedetta Barberi Nucci che in questi anni si è resa sempre parte encomiabilmente attiva e propositiva di questa manifestazione, apportando, in modi diversi ed originali, nozioni legali ed argomentative che si sono distinte su tutte le iniziative di valle per un livello culturalmente alto.
“Ofelia voleva solo nuotare” è un progetto dell’artista Samuel Webster e della criminologa Mariantonietta Anania che unisce fotografia e indagine forense, per restituire l’immagine della donna del nostro tempo.
Una donna emblema della bellezza mutilata dalla violenza di genere. Il «femminicidio», una parola ormai inflazionata che non fa più rumore alle orecchie dei nostri giorni, ma che in «Ofelia Voleva Soltanto Nuotare» si trasforma in un grido di vita. Una bellezza che scuote le coscienze, che emoziona e fa riflettere negli scatti di Webster e nelle testimonianze raccolte dalla criminologa Anania.
Una mostra itinerante, internazionale e ad ingresso gratuito fino al 6 gennaio; il messaggio che veicola deve raggiungere più posti possibili ed è già stata ad Arezzo, Firenze, Roma, Jarcuso, Cortina d’Ampezzo, Torino, e poi Londra, Philadelphia, New York fino a Sydney e Melbourne in Australia.
La mostra fotografica che si contempla all’interno del progetto è composta da 22 immagini, accoppiate con storie di vittime di femminicidio in Italia negli ultimi dieci anni.
La criminologa Mariantonietta Anania spiega fenomeni di violenza e soprusi su giovani donne attraverso il web e altre forme apparentemente latenti che oggi hanno anche un nome specifico ad indentificarle. Si avvale dell’ausilio delle immagini di un video che anticipano il suo intervento, per far vedere le nuove forme di violenza che si stanno insinuando dentro le mura di casa propria, tramite strumenti che maneggiamo quotidianamente.
Verrà inoltre presentato un booklet di 44 pagine a sintesi dei lavori svolti da questa amministrazione per la giornata internazionale del 25 novembre .
Anticiperà l’aperitivo finale, il maestro Daniele Russo 4 dan di Aikido Dentò Iwama Ryu di Città di Castello, molto sensibile a queste iniziative, per le quali si propone a Citerna per tutte le donne del comune come insegnante di Arti marziali per la difesa personale a titolo gratuito.