Pd: «I sogni di Cornioli finiscono con un vagone in fiamme»

SANSEPOLCRO – «I sogni di Cornioli finiscono con un vagone in fiamme». Lo hanno dichiarato gli esponenti del Partito democratico di Sansepolcro, commentando quanto avvenuto ieri.

 

«Nella giornata di lunedì 15 aprile é andato in fiamme un vecchio vagone del treno, situato nei pressi della stazione ferroviaria di Sansepolcro – hanno spiegato – Il complesso della stazione versa in condizioni di assoluto abbandono e degrado, denunciato più vote dai cittadini inermi, da quando è stato chiuso per permettere i lavori sulla linea ferroviaria. Questi ultimi mai partiti e senza una data di partenza. A rendere il tutto ancora più grottesco due anni fa abbiamo assistito impotenti alla chiusura, per sicurezza, del passaggio pedonale di via del Regliarino, una manciata di mesi prima che si interrompesse il transito dei treni. In quell’occasione l’Amministrazione tacitava le polemiche dicendo che i lavori sarebbero partiti al più presto e che questi, nei sogni del Cornioli, avrebbero permesso, in futuro, il collegamento con l’alta velocità. Sono passati oltre due anni in cui l’unica cosa visibile e concreta è l’incuria dei luoghi e la chiusura della ferrovia. Ora il Sindaco alza la voce, lamentandosi per l’abbandono, dichiarando di essere pronto a provvedimenti clamorosi. In questi anni di abbandono dov’era?»