Papa Francesco riceve i membri del Mei: all’udienza anche Cecchetti e Scarabottini

ROMA – Papa Francesco ha ricevuto questa mattina (venerdì 24 maggio), nella Sala Clementina, 400 membri dell’Associazione Musei Ecclesiastici Italiani: tra questi, da Città di Castello, era presente anche Catia Cecchetti, vice presidente dell’associazione Musei Ecclesiastici Umbri e Gian Franco Scarabottini, direttore dell’ufficio Bce. Dall’Umbria, assieme ai due tifernati, sono partiti per l’udienza altri 13 membri dei Musei Ecclesiastici.

Papa Francesco ha ringraziato i membri dell’Associazione per l’importante “lavoro svolto con passione, professionalità e amore per la Chiesa, nei musei delle diocesi o degli istituti religiosi in Italia”.

Papa Francesco ha sottolineato l’importanza del contributo che i musei possono dare per migliorare la qualità della vita delle persone, creando spazi di relazione e “occasioni per creare comunità”. “Nei grandi centri come nelle piccole città il museo sostiene la consapevolezza di una identità che ‘fa sentire a casa’. Sempre e per tutti aiuta ad alzare lo sguardo sul bello”. Inoltre il Papa ha riconusciuto la passione che spinge gli operatori “per l’arte e la cultura, la passione per la gente del proprio territorio, ma anche “per la Chiesa e la sua missione”. “I musei in cui operate rappresentano il volto della Chiesa, la sua fecondità artistica e artigianale, la sua vocazione a comunicare un messaggio che è Buona Notizia. – ha detto Papa Francesco – Un messaggio non per pochi eletti, ma per tutti. Tutti hanno diritto alla cultura bella! Specie i più poveri e gli ultimi, che ne debbono godere come dono di Dio.”