Otis, il nuovo cigno arrivato al Parco di Rignaldello è un “dono” a Gisella del consigliere Procelli

CITTÀ DI CASTELLO – Gisella non è più sola al Parco di Rignaldello: da qualche giorno è arrivato Otis, un giovane cigno di circa tre anni.

Erano i primi giorni di luglio quando morì Checco, il cigno mascotte del Parco di Rignaldello, di oltre 21 anni, simbolo e beniamino delle famiglie e dei bambini che facevano la fila per vederlo, farci qualche selfie e dargli da mangiare. Checco era diventato papà a maggio e morendo ha lasciato sola Gisella, la mamma cigno.

Un dono alla bella Gisella, ma anche alla Città è quello fatto da Giovanni Procelli, consigliere comunale tifernate de La Sinistra, che ha investito i gettoni di presenza accumulati per la partecipazione all’attività dell’assemblea elettiva e delle commissioni consiliari, per acquistare, e donare, il bel cigno.

Come tutti i tifernati anche Procelli fu toccato dall’improvvisa morte di Checco. Gisella, dopo aver allevato i suoi cuccioli era rimasta sola. Ora ha un nuovo compagno e chissà, magari a primavera potremmo assistere ad una nuova cucciolata.

Il consigliere non è nuovo ad atti del genere, in favore degli amici animali: già a marzo aveva donato un otoscopio di ultima generazione, che serve a diagnosticare le patologie delle orecchie dei cani, al canile di Lerchi.