fbpx

Lavori estivi per ragazzi, per le domande c’è tempo fino al 2 luglio

UMBERTIDE- C’è tempo fino al 2 luglio per la presentazione delle domande relative all’avviso “Lavori estivi per ragazzi e ragazze 2021” rivolto ai ragazzi dai 16 ai 20 anni residenti ad Umbertide.

L’iniziativa, promossa dall’Amministrazione comunale di Umbertide in collaborazione con le Cooperative Asad, “Il nido dei pettirossi” e “Cassiopea”, rappresenta un’importante opportunità per i giovani di avvicinarsi al mondo del lavoro in maniera protetta. Il lavorare in luogo pubblico, patrimonio della collettività, stimola infatti nei ragazzi una maggiore sensibilità e cura nei confronti dei beni comuni.

Il progetto propone un’esperienza formativa che, oltre a permettere ai giovani di misurarsi con il mondo del lavoro, consente loro di prendersi cura della propria città. Ogni giorno i ragazzi saranno impegnati nella pulizia del Parco Ranieri e di altri parchi del territorio, nella sistemazione dello spazio “La Piazzetta”, nella pulizia dei Centri Estivi comunali e in servizi ausiliari.

I posti disponibili sono 21 e i ragazzi saranno impegnati per circa 30 ore ciascuno per un totale di 3-4 settimane percependo un rimborso spese di 150 euro. Al termine del percorso verrà rilasciata l’attestazione per i crediti formativi scolastici.

I giovani che intendono partecipare al bando potranno effettuare la domanda fino alle 12.30 di venerdì 2 luglio telefonando ai numeri 3292203851-3388545056 per un appuntamento. Le telefonate possono essere effettuate nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9.00 alle 12.30, il martedì, il mercoledì e il giovedì dalle 16.00 alle 18.00. I minori dovranno essere accompagnati dai genitori o da chi ne fa le veci.

“I lavori estivi – dice l’assessore alla Politiche sociali, Sara Pierucci – rappresentano un’importante occasione di crescita per i ragazzi che iniziano a collaborare tra loro, a essere responsabili e a sensibili nei confronti delle necessità che richiede la propria città. Siamo soddisfatti perché insieme al Servizio Civile, siamo riusciti con la collaborazione di Asad e degli educatori dei servizi sociali, a coinvolgere un cospicuo numero di giovani che attivamente parteciperanno alla vita quotidiana della città riqualificandola e migliorandola in ogni senso”.