fbpx

L’allegria del Carnevale torna protagonista nelle scuole. Guerri: “D’accordo con i presidi nel 2023 un’iniziativa comune per una festa unitaria”.

CITTÀ DI CASTELLO – “Oggi le nostre scuole sono tornate a festeggiare il Carnevale all’aperto, ma il prossimo anno faremo questa festa tutti insieme – a dirlo l’assessore ai Servizi Educativi, Letizia Guerri – 3 mila studenti di tutti gli istituti primari e secondari di secondo grado di Città di Castello nella stessa giornata usciranno nelle vie dei quartieri e delle frazioni del territorio comunale per riappropriarsi della festa per antonomasia che appartiene ai più piccoli, ma anche della normalità dei luoghi della nostra città”.

L’assessore ai Servizi Educativi Letizia Guerri ha scelto il giorno del “martedì grasso” per annunciare che “d’accordo con i dirigenti del Primo Circolo Didattico e dell’Istituto Comprensivo Alberto Burri, Stefania Migliorucci, del Secondo Circolo Didattico, Simone Casucci, e dell’istituto Alighieri-Pascoli, Filippo Pettinari, l’amministrazione comunale nel 2023 darà un forte segnale di ritorno alla normalità”.

Nelle feste che si sono svolte stamattina nei plessi scolastici cittadini la voglia di vivere dei bambini è stata contagiosa. I colori dei costumi, i canti e l’allegria dei piccoli con i loro insegnanti hanno riconquistato gli spazi esterni delle scuole, le vie dei quartieri e delle frazioni, per il tradizionale “cicicocco”, con la mascherina anti-Covid 19 rigorosamente indossata da tutti, tra una pioggia di coriandoli e stelle filanti.

“La spensieratezza ha trovato un unico limite nella preoccupazione per il conflitto in Ucraina, che ha fatto vivere un Carnevale ancora una volta purtroppo diverso, un Carnevale contro la guerra”, sottolinea l’assessore, che ha condiviso nella visita presso la scuola primaria La Tina anche gli slogan e i canti per la pace dei bambini. I bambini dell’istituto sono usciti nel quartiere, tra lo stupore e gli sguardi benevoli dei residenti che hanno ammirato i serpentoni per le strade con le maestre e li hanno accolti quando si sono presentati davanti alle loro case.

“Voglio ringraziare di cuore quanti hanno reso possibile i bellissimi momenti vissuti stamattina – sottolinea Guerri – i bambini prima di tutto, i dirigenti, gli insegnanti, il personale scolastico di tutti gli istituti e i volontari delle società rionali e delle pro loco, che ci auguriamo ci accompagneranno anche il prossimo anno nella festa che porteremo in ogni quartiere e frazione della nostra città”.