fbpx

In ricordo di Stefano Locchi raccolti 1400euro per i bambini del Burkina Faso

UMBERTIDE – Si è svolta lo scorso 24 agosto presso il Ristorante Abbazia di Montecorona, la cena di beneficenza in ricordo di Stefano Locchi, il giovane perugino scomparso un anno fa a causa di un terribile incidente stradale. Il ricavato della serata, organizzata dalla moglie Eva Giacchè, è stato interamente devoluto al Gruppo Missionario Umbertidese, coordinato da Giampaolo Giostrelli, che da oltre 30 anni opera in favore della popolazione del Burkina Faso.

1400 euro la somma totale raccolta, grazie ai moltissimi partecipanti (oltre 120 persone hanno aderito all’iniziativa benefica), e devoluta in beneficenza per un progetto davvero importante. La cifra consentirà infatti di fornire un pasto caldo quotidiano, per un intero anno, a circa 180 bambini della scuola materna di Nanoro, a 90 chilometri dalla capitale Ouagadougou, gestita dalle Suore Apostole del Sacro Cuore.
«Sono emozionata per la grande partecipazione e il risultato raggiunto – commenta Eva Giacchè – Il ricordo di Stefano accompagnerà un aiuto reale e concreto ad una popolazione tra le più povere al mondo. Sapere che in sua memoria siamo riusciti a trasformare qualcosa di tremendamente doloroso, come la sua prematura scomparsa, facendo del bene a tanti bambini che vivono in povertà e sofferenza, riesce ad essere di conforto a me e a tutti coloro che erano legati a Stefano. Un grazie di cuore va a tutte le persone che generosamente hanno donato e a tutti i benefattori che partecipando hanno reso possibile questo ricordo speciale. Un particolare ringraziamento a Giampaolo Giostrelli che dal 1988, con il Gruppo Missionario Umbertidese, è riuscito a raccogliere oltre 2 milioni di euro, trasformati in opere e aiuti per una terra poverissima come quella del Burkina Faso. 48 i pozzi realizzati nei villaggi della savana, 6000 i bambini che riescono ad essere sfamati ogni giorno, 500 adozioni scolastiche in corso. Sono solo alcuni dei numeri messi in atto in tutti questi anni di intensa attività solidale e caritativa».