fbpx

Il Campus da Vinci in e-twinning: dal 2011 ad oggi, 10 anni di successi

UMBERTIDE – Sono stati premiati con il Quality Label Nazionale, riconoscimento rilasciato dalla Unità nazionale eTwinning (INDIRE) i quattro progetti che hanno visto coinvolte, nell’anno scolastico appena passato, ben quattro classi del Campus Da Vinci di Umbertide, tre del liceo linguistico e una del liceo scientifico. A questa già importante certificazione se ne aggiunge un’altra ancora più prestigiosa a livello europeo assegnato una volta all’anno e indicato sul Portale e-Twinning attribuito soltanto ai migliori progetti.

Una grande soddisfazione, dunque, per il l’istituto umbertidese rivolto, ormai da più di un decennio, alla dimensione europea della formazione, alla collaborazione tra gli stati d’Europa, all’ approfondimento delle lingue straniere, al bilinguismo e alla condivisione di progetti europei basati sull’impiego delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) che consentono strumenti e servizi di supporto on-line.
La partecipazione alla community di e-Twinning è stata proprio la concretizzazione di tale linea d’innovazione. A distanza di più di un decennio, a fronte di un grande impegno di docenti e studenti, il Campus può vantare numerosi riconoscimenti a partire dal suo primo Certificato di Qualità europeo nel 2011, con un progetto in lingua inglese realizzato in concomitanza di un progetto Comenius Long Life Learning, dove gli alunni partecipanti provenivano da ben dodici paesi: Francia, Malta, Germania, Polonia, Grecia, Olanda, Romania, Slovacchia, Spagna, Svezia, Italia e anche Gran Bretagna. Dopo dieci anni, al Da Vinci si sono sviluppati e portati a termine ben ventinove progetti di gemellaggi internazionali, in tutte le lingue straniere che si studiano nell’Istituto, trattando temi curricolari tra i più vari, dalla importanza della lettura, alla varietà di alimenti autoctoni, al corretto comportamento nelle strade, alle canzoni, così come su diversi aspetti della educazione civica.
Non c’è dubbio che la formazione continua e di qualità offerta al corpo docente del Campus abbia una ricaduta favorevole sui risultati e sulla crescita degli alunni come cittadini responsabili e competenti, ma è anche evidente che si tratta di una scuola che ha ben chiaro, ormai da molto e ancor prima dell’imprevedibile pandemia, che le aule in quanto luoghi chiusi non esistono più e che invece sono i gruppi di coetanei europei riuniti a collaborare in aule virtuali e con lingue veicolari diverse ad essere protagonisti delle necessarie transizioni verso una nuova idea di futuro.
Di fronte a questi risultati, il percorso del Campus continua e ancora più ambizioni sono i nuovi progetti di gemellaggio che sono stati avviati dall’inizio di quest’anno scolastico, tra questi “Debatwinning”, “Otromundo es posible: nuestro medio natural” e “Stop foodwaste/Stop derroche de alimentos”. Attraverso questi ultimi sarà sviluppata una didattica per progetto coniugata al Service Learning o al Debate, didattiche innovative basate sulla collaborazione di cui il Campus Leonardo Da Vinci, è capofila per INDIRE e che, pertanto, hanno raggiunto un alto livello di approfondimento.