Gli studenti del Patrizi-Baldelli-Cavallotti in Sicilia sulle orme di Falcone e Borsellino

CITTÀ DI CASTELLO – Quattro ragazzi dell’istituto Patrizi Baldelli Cavallotti, accompagnati dai loro docenti, voleranno in Sicilia per partecipare alle manifestazioni organizzate dalla Fondazione Falcone e dalla città di Palermo in ricordo delle stragi Falcone e Borsellino.

L’istituto superiore tifernate, infatti, con un video realizzato dai ragazzi nell’ambito del Concorso organizzato dalla Fondazione Falcone per il XXVII Anniversario delle Stragi di Capaci e Via D’Amelio, “Follow the money, da Giovanni Falcone alla Convenzione ONU di Palermo contro la criminalità organizzata transnazionale”,  è risultato 1° selezionato a livello Regionale.

I quattro alunni, accompagnati dai docenti del progetto, partiranno da Civitavecchia domani, mercoledì 22 maggio con altre centinaia di colleghi di tutte le scuole d’Italia per sbarcare la mattina del 23 a Palermo. La delegazione, invitata dalla Fondazione Falcone, che salperà alla volta di Palermo è composta dai docenti Daniela Fratini e Marco Pelloni e dagli alunni Dennis Milli, Leyan Xu, Sanae Alami, Sovan Moscatelli.

Nel pomeriggio del 23 due cortei animati dalle scuole partecipanti, lungo le strade di Palermo, testimonieranno l’unione e la vicinanza dei ragazzi di tutto il resto d’Italia ai ragazzi siciliani nel ricordare la figura dei Giudici Falcone e Borsellino. Il corteo arriverà all’ “Albero Falcone”, in via Notarbartolo – di fronte all’abitazione del Giudice Falcone-, dove avrà luogo l’evento conclusivo della manifestazione che prevedrà interventi di testimoni della lotta alla mafia.
Alle ore 17.58 in punto, la Polizia di Stato suonerà il Silenzio commemorativo dell’anniversario della strage di Capaci e di Via d’Amelio.

Nella strage di Capaci persero la vita: il magistrato antimafia Giovanni Falcone, sua moglie, il magistrato Francesca Morvillo e tre agenti della scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro. Nell’eccidio di Via D’Amelio, persero la vita il magistrato antimafia Paolo Borsellino e i cinque agenti di scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi (prima donna a far parte di una scorta e anche prima donna della Polizia di Stato a cadere in servizio), Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.

Quello del 23 a Palermo, sarà solo uno degli eventi con cui la scuola, celebrerà “La giornata della Legalità”, ricorda la dirigente Marta Boriosi: infatti, altri attori del video premiato, sono stati invitati presso la Caserma Storica dei Carabinieri di Perugia per partecipare alle manifestazioni di celebrazione della giornata ed un ulteriore gruppo di alunni, si recherà in visita alla sede del
Consiglio Regionale dell’Umbria dove testimonieranno l’importanza della cittadinanza attiva dando vita ad un una mozione e votazione assembleare. Il video dei ragazzi e la loro partecipazione agli altri eventi della giornata, oltre a ricordarci il sacrificio di questi uomini è significativo per tenere desto ed approfondire a scuola, ma anche fuori da essa, un tema di cruciale attualità e
importanza quale quello dell’impegno civile di ogni cittadino.