Gal Alta Umbria

Gal Alta Umbria, quasi 3 milioni per 21 progetti approvati

CITTÀ DI CASTELLO – Il Consiglio di Amministrazione del GAL ha approvato 21 progetti pubblici finalizzati alla riqualificazione del paesaggio, dei borghi e del patrimonio storico-culturale dei Comuni dell’Alta Umbria. I progetti interessano tutti le quindici amministrazioni del territorio per un totale di risorse pubbliche pari a 2 milioni ed 800 Milà euro. I due bandi rivolti alle amministrazioni locali hanno mobilitato risorse per circa cinque milioni di euro negli ultimi due anni. Gli interventi interessano sia la riqualificazione dei centri storici dei Comuni più grandi che il recupero dei borghi più piccoli esposti al rischio di spopolamento.

Estremamente soddisfatte la Presidente del GAL Alta Umbria Giuliana Falaschi (ex Sindaco di Citerna) e la Vice Presidente Monia Ferracchiato (Sindaco di Fossato di Vico). “Le risorse messe a disposizione dal GAL sono fondamentali per le amministrazioni che trovano sempre maggiori difficoltà ad attivare progetti a causa delle ristrettezze di bilancio. In questa fase, particolarmente complessa da un punto di vista economico, la predisposizione di bandi mirati alla qualificazione degli spazi pubblici o al potenziamento dei servizi ai residenti è fondamentale. Come GAL intendiamo proseguire su questa strada auspicando sempre un maggior sostegno da parte delle autorità comunitarie e regionali che negli ultimi anni hanno compreso appieno l’importanza di forme di programmazione a livello locale come i GAL e le Aree Interne”.

Anche i Consiglieri del GAL che fanno riferimento al settore privato (Catia Mariani, Giancarlo Acciaio e Luigi Bonucci) valutano molto positivamente il risultato dei bandi rivolti alle pubbliche amministrazioni. “Dopo l’esito sorprendente dei bandi rivolti ai settori dell’artigianato e del commercio era importante dare una risposta forte alle esigenze dei Comuni. Nelle prossime settimane è prevista inoltre l’uscita del bando che prevede la promo-commercializzazione dei prodotti agro-alimentari del territorio per il quale è prevista una disponibilità di circa un milione di euro di risorse”
Soddisfatto anche il Direttore del GAL, Matteo Montanari: “Un lavoro complesso, ma la collaborazione con le amministrazioni comunali ha consentito il raggiungimento del risultato auspicato. Ora procediamo con l’istruttoria del bando rivolto alle imprese che cercheremo di concludere in tempi rapidissimi”. 
Ma il GAL Alta Umbria guarda già alle sfide che lo attendono nei prossimi mesi. In questo senso sono previsti un incontro con l’Assessore Regionale alle Politiche Agricole per discutere insieme le problematiche e gli scenari dell’attuale programmazione, la pubblicazione di bandi rivolti sia al settore pubblico che a quello privato e infine la programmazione e realizzazione delle attività promozionali del territorio per l’annualità 2020.