Fondazione Mòveo, scuole primarie ed educazione motoria: al via i primi ‘saggi’ di fine anno

UMBERTIDE – Nel quadro delle finalità della Fondazione Mòveo e delle attività 2017/18 da essa promossa e sostenuta, spicca il Corso di attività motoria rivolto agli alunni delle scuole del I e II Circolo di Umbertide, frutto di una collaborazione tra le dirigenze degli Istituti e il CdA della Mòveo. Un accordo sottoscritto a margine di una serie di incontri avvenuti lo scorso anno, ha infatti permesso  ad oltre 850 bambini di tutte le classi, di seguire proficuamente un percorso di attività motoria, realizzato da un gruppo di giovani laureati in Scienze Motorie (Elena Cirilli, Nicola Tassi, Tommaso Raye, Leonardo Grilli, Federico Scaia e Luca Tognellini), coordinati dal professor Marino Fiorucci, presso le strutture centrali di Umbertide e quelle di Niccone, Verna, Lisciano Niccone e Pierantonio. La soddisfazione dei ragazzi in primis, ma anche dei dirigenti scolastici  e degli insegnanti dei due circoli testimonia che si è colto nel segno. Alla conclusione del primo anno, il 17 e il 24 maggio, si terranno  i due “saggi” per sottolineare ulteriormente l’esigenza dell’introduzione dell’attività motoria nelle scuole elementari. Il CdA della Fondazione, come ricordato più volte composto da piccoli e medi giovani imprenditori del territorio dell’Alta Valle del Tevere, ma anche di altre zone della regione, gruppo a cui a fatto da capofila l’ingegner Marco Patata della Modulo di Umbertide, ha espresso, insieme ai dirigenti scolastici, dott. Mario Modestini e dott.ssa Angela Monaldi, un giudizio positivo sui contenuti del progetto. Nel ringraziare sentitamente i tecnici ed i professionisti che hanno progettato e realizzato questa prima annualità del corso triennale, il presidente della Mòveo , dottor Paolo Arcelli, auspica che  i risultati raggiunti possano contribuire a rendere ancor più attuale l’esigenza che l’attività motoria venga inserita tra le materie curriculari della scuola primaria.