Fine lavori: riaperto l’ultimo tratto di Corso Vittorio Emanuele. Al via altri due progetti

CITTA’ DI CASTELLO – Corso Vittorio Emanuele, risistemato ad hoc, è stato riconsegnato ai tifernati. “Un altro tassello di centro storico che va al suo posto”: questo il commento del sindaco di Città di Castello Luciano Bacchetta e dell’assessore ai Lavori Pubblici Massimo Massetti alla conclusione del cantiere del Corso principale del centro cittadino. I lavori per la nuova pavimentazione dell’ultimo tratto del Corso è stata terminata e il passaggio è di nuovo aperto al pubblico. Il progetto rientra nell’ambito di uno più complessivo che interessa anche il Rione Prato con via Marconi, via San Florido e piazza del Garigliano, dove i lavori sono in via di ultimazione. “Per un cantiere che si chiude, presto altri due se ne apriranno – ha aggiunto il sindaco ricordando che – dopo l’aggiudicazione, sono imminenti i lavori sulle mura ai lati di Porta Santa Maria e su Piazza Gabriotti. Andremo a operare sulla porzione di cinta compresa, da un lato, tra Porta Santa Maria e l’asilo Cavour e, dall’altro, fino alla parte già restaurata dei Frontoni”. “Il Puc 2 ci ha permesso di allargare il perimetro del centro storico interessato da rigenerazione urbana e riqualificazione. Il volto della città sta cambiando sotto i nostri occhi come è evidente dal semplice elenco dei lavori terminati o in corso di ultimazione, contenuti nel Piano urbano complesso. Oltre alla pavimentazione dell’ultimo tratto di Corso Vittorio Emanuele ha finanziato la rotonda di Porta Prato, il parcheggio plateatico all’Ansa del Tevere, Porta Santa Maria, i lavori sulle mura attigue e su Piazza Gabriotti di imminente attivazione, via Marconi, via San Florido e Piazza del Garigliano, che sono nella fase finale”.