Diocesi, ecco tutti i nuovi parroci. I Frati Minori hanno deciso di lasciare il convento di San Francesco

CITTA’ DI CASTELLO – Valzer di parroci in Diocesi, che dalla fine dell’anno perderà anche il Capitolo Straordinario provinciale dei Frati Minori conventuali: i religiosi, infatti, hanno deciso di lasciare la parrocchia di San Francesco il 31 dicembre 2016 e di lasciare il Convento nel giugno 2017. L’annuncio è arrivato direttamente dal vescovo diocesano, monsignor Domenico Cancian, durante la messa domenicale che ha annunciato le modifiche.

Domenico_Cancian_Immagine

Monsignor Franco Sgoluppi ha chiesto di essere sollevato da parroco della Parrocchia Madonna del Latte dove ha svolto un apprezzato e fruttuoso lavoro pastorale per oltre trent’anni, svolgendo contestualmente il compito di Vicario generale e dedicandosi negli ultimi anni alla ristrutturazione della chiesa e delle sale parrocchiali. Al suo posto arriverà don Paolo Bruschi, che lascerà le parrocchie di San Giuseppe alle Graticole e di Titta. Qui arriverà don Salvatore Luchetti, proveniente da Pietralunga dove ha servito la comunità per 13 anni. Don Salvatore avrà la collaborazione pastorale di Don Ermenegildo e dei Frati di Belvedere, sempre per favorire un’azione pastorale d’insieme nell’Up. Don Francesco Coşa è nominato parroco di Pietralunga e quindi lascerà le parrocchie di Lerchi, Piosina e Astucci, dove ha lavorato con molta dedizione per 11 anni. Don Giorgio Mariotti è nominato parroco di Lerchi, Piosina, Astucci e Nuvole e quindi lascerà il servizio alla Madonna delle Grazie. I trasferimenti avranno luogo entro agosto-settembre 2015. Il vescovo ha , però, annunciato che il Capitolo Straordinario provinciale dei Frati Minori conventuali ha deciso di lasciare la parrocchia di San Francesco il 31 dicembre 2016 e di lasciare il Convento nel giugno 2017. «La nostra Chiesa tifernate ringrazia i Frati per la loro presenza dal 1250 e per il servizio pastorale alla Parrocchia di San Francesco – ha aggiunto – Tutti avvertiamo il peso di questa perdita sia sul piano religioso che culturale. Il carisma francescano tuttavia rimane presente in diocesi con altre comunità maschili e femminili, e con le fraternità del Terzo ordine». Oggi, domenica 21 giugno, resta comunque una giornata importante per la diocesi: alle 18 in Cattedrale c’è l’ordinazione sacerdotale di Don Filippo Milli (di Promano). La celebrazione sarà presieduta dal vescovo diocesano, monsignor Domenico Cancian. Concelebreranno monsignor Tomaso Pellegrino Ronchi, monsignor Nazareno Marconi e il clero tifernate. Don Filippo assumerà il servizio pastorale a San Giustino come vicario parrocchiale.