Sansepolcro Vista Aerea

Cittadinanza onoraria a Liliana Segre: questa la proposta del capo gruppo del PD Laurenzi

SANSEPOLCRO – “I vergognosi attacchi subiti dalla senatrice Liliana Segre, per i quali è sotto scorta, meritano una netta presa di posizione da parte di tutte le forze democratiche.” È quanto scrive il Partito Democratico biturgense in una nota stampa. Liliana Segre, sopravvissuta alla Shoah, è da anni impegnata a diffondere una cultura di pace parlando nelle scuole, raccontando le tante atrocità subite affinché la storia non si ripeta. Nonostante i tanti dolori patiti sulla sua pelle, non si è mai abbondonata a parole di odio o violente, ma con estrema fermezza ha denunciato gli orrori che ha vissuto.

“Liliana Segre ha voluto che nel muro del memoriale della Shoah, al Binario 21 della stazione di Milano, ci fosse incisa la parola “INDIFFERENZA” perché tutto è iniziato quando le persone hanno cominciato ad essere indifferenti ed è proprio quello che si rischia oggi di minimizzare quanto sta accadendo voltandosi dall’altra parte”. Queste sono le parole del Capo-gruppo Andrea Laurenzi che lancia la proposta di conferire la cittadinanza onoraria a Liliana Segre per il suo impegno nell’educazione delle giovani generazioni.

“In questo periodo è necessario ribadire in modo forte da che parte si vuole stare – prosegue Laurenzi – tutti sono chiamati a farlo e serve una proposta forte. Con il passaggio in Consiglio della mozione che stiamo preparando, il Comune di Sansepolcro, medaglia d’argento al valore militare, dimostra di condividere pienamente i valori testimoniati da Liliana Segre, che sono i valori fondanti della nostra comunità. Per rispondere a un crescente e intollerabile clima di odio servono proposte e sono certo che Sansepolcro saprà accogliere questa con entusiasmo e partecipazione”.