Città di Castello, per “Io non rischio” si punta sulle alluvioni

CITTA’ DI CASTELLO_ Come comportarsi durante una alluvione? Per scoprire tutto è arrivata la campagna del Dipartimento nazionale dal titolo “Io non rischio”, a cui ha partecipato anche il Comune tifernate. Il tema scelto per quest’anno è stato il “rischio alluvione”. E così nello scorso fine settimana la città ha ospitato l’iniziativa, realizzata con il supporto del Servizio protezione civile comunale, dall’associazione «Anpas», branca della Pat, insieme a «Barabas», un gruppo di volontari che effettua Clownterapia nel territorio altotiberino.

Per l’occasione, inoltre, è stato installato una gazebo in piazza Gioberti nel quale i volontari hanno distribuito materiale informativo predisposto dal Dipartimento, illustrato alcune tavole del «Piano di Emergenza Alluvione» fornite dal Comune ed intrattenuto i bambini più piccoli con attività e giochi che hanno fatto capire ai più piccoli i comportamenti adeguati da tenere in caso di pericolo. «La prevenzione su tutti i fronti, compreso l’idrogeologico, è un argomento sempre all’ordine del giorno, come purtroppo apprendiamo dalle cronache di questi giorni – dichiara l’assessore al ramo Andreina Ciubini – e la buona affluenza della cittadinanza sta dimostrando quanto i tifernati siano sensibili alle problematiche inerenti la protezione civile». Per chi sabato e domenica non ha partecipato, il materiale d’informazione sarà pubblicato prossimamente sul sito web del comune www.cdcnet.net nell’area dedicata al «Servizio di Protezione Civile comunale».