Caritas diocesana: tutte le attività del 2018

CITTA’ DI CASTELLO – Tante le attività svolte dalla della Caritas diocesana di Città di Castello nel corso del 2018.

L’Emporio della solidarietà dal 2012 a giugno 2018 ha fornito beni alimentari a 962 famiglie per un totale di circa 3.500 persone. Il Fondo di solidarietà, ormai chiuso, ha consentito a 264 famiglie di poter usufruire di un contributo economico per le proprie necessità. Il Prestito della speranza, in forma di microcredito ha visto circa 40 domande di finanziamento arrivate presso i nostri uffici. La mensa diocesana continua ad erogare circa 40 pasti al giorno compresa la domenica.

La casa di accoglienza per donne e uomini vede quasi sempre posti al completo. L’assistenza ai 21 richiedenti asilo provenienti da Asia e Africa presenti presso le strutture diocesane e in due parrocchie,” sta portando ad una lenta ma efficace integrazione, – sottolineano dalla Caritas – attraverso percorsi di formazione e studio della lingua italiana. L’azienda agricola “Le cascine” sta consolidando i risultati raggiunti, nella produzione di prodotti biologici e nella integrazione, attraverso forme di lavoro, di persone che cercano un riscatto dopo un momento buio della propria vita. I nostri Centri di ascolto, – proseguono – assistono tante famiglie sul territorio con tanti
volontari che dedicano tanta parte del loro tempo libero al servizio dei più disagiati”.

“Stiamo cercando di affrontare nuove povertà che abbiamo riscontrato nel nostro agire, e su segnalazione di tante persone che svolgono servizi di carattere pastorale, liturgico, ministri straordinari dell’eucarestia, diaconi, accoliti ed in genere di coloro che visitano le famiglie. Si rivelano disagi di tipo relazionale ed emotivo. Molte persone hanno perso la voglia di vivere, – proseguono da Caritas – non riescono a dare un senso alla propria vita, la solitudine è sempre più presente, difficoltà a relazionarsi con gli altri; separazioni, lutti, si trasformano sempre più in stati depressivi che richiedono la nostra vicinanza, umana e spirituale. Cercheremo da qui in avanti di dare una risposta anche a questi nuovi bisogni”.

“Le attività Caritas rappresentano un segno importante della vicinanza delle nostre comunità alle persone in difficoltà che sempre più spesso, sono vicini di casa, amici che hanno perso il posto di lavoro, famiglie che entrano in crisi e si ritrovano a dover gestire situazioni critiche. Continueremo a svolgere il nostro servizio, – concludono da Caritas – anche grazie ai rapporti istituzionali
che siamo riusciti a instaurare nella nostra attività, ai volontari ed ai benefattori che fanno sentire sempre presente la Provvidenza di Dio”.