Bufalini: «Bilancio di fine anno e prospettive future»

CITTA’ DI CASTELLO – Non solo un resoconto del 2018. La conferenza stampa tenutasi oggi (giovedì 27 dicembre) presso l’asp Bufalini è stata l’occasione per annunciare l’inizio della collaborazione con un’importantissima realtà tifernate, la Società Cooperativa Tela Umbra.

Alla presenza del presidente Stefano Briganti; del direttore Marco Menichetti; del sindaco di San Giustino Paolo Fratini e del vicesindaco di Città di Castello Michele Bettarelli e Pasquale La Gala, attuale presidente di Tela Umbra, è stata annunciata l’entrata come socio dell’asp Bufalini nella cooperativa, un importante risultato ottenuto grazie alla ferma volontà dei due cda.

«Ho sempre avuto un sogno – ha spiegato La Gala – quello di unire le tradizioni tifernati. Giovanni Ottavio Bufalini e Alice Franchetti sono stati due personaggi illuminati del nostro territorio che hanno portato delle importanti idee e innovazioni, l’uno garantendo una formazione ed un lavoro ai giovani, l’altra dando alle donne un’opportunità nuova, quella del lavoro, togliendole dalla “schiavitù” del lavoro domestico dell’epoca. Tre mesi fa, dopo una riflessione all’interno del nostro cda ho avuto il piacere di chiedere alla Bufalini di entrare come socio nella nostra cooperativa e dopo una serie di colloqui oggi siamo qui a rendere ufficiale l’accordo con il benestare del Comune. Oggi vediamo realizzato un lavoro che auspichiamo porterà ad una fruttuosa collaborazione con la realizzazione di progetti che possano mettere in risalto le competenze di queste due realtà a partire dall’idea di realizzare un progetto europeo Erasmus+ da presentare alle prossime scadenze dell’avviso».
«Cogliamo con grande entusiasmo – ha continuato il presidente Stefano Briganti – questa nuova collaborazione con la Tela Umbra che si inserisce in un 2018 pieno di attività per la nostra scuola e ricco di investimenti sulla struttura visto l’adeguamento antincendio realizzato con un importo di oltre 140 mila euro».
“Il 2018 ha visto il proseguimento dell’attività nel nuovo ‘Sistema Duale’ – ha spiegato il direttore Marco Menichetti – Questo nuovo sistema regionale ci ha permesso di far iscrivere da noi i giovani in uscita dalle scuole medie (da questo anno sarà possibile anche l’iscrizione online grazie all’ottenimento del codice meccanografico) offrendo la possibilità di una formazione professionale seria e con sbocchi lavorativi garantiti. Abbiamo nel corso dell’anno continuato la nostra attività di formazione con gli adulti con il nuovo progetto sull’apprendistato, in collaborazione con Iter, e con la realizzazione del progetto Forma.T.I., in cui sono previsti 16 corsi serali a pagamento a prezzi veramente popolari che ha visto l’iscrizione di oltre 260 persone. Ottimi inoltre i risultati del progetto Cre.S.C.O., dove sono state erogate quasi 300 ore di formazione con 10 assunzioni, 15 tirocini attivati e oltre 20 allievi formati. Fra gennaio e febbraio saranno approvati ulteriori 14 progetti che daranno la possibilità di realizzare ulteriori 30 assunzioni a tempo indeterminato sul territorio. Un risultato che gratifica i nostri sforzi».
Da poco la Bufalini è diventata un’Asp (Azienda di Servizi alla Persona) e, al contrario delle altre nel territorio italiano finalizzate soprattutto a scopi assistenziali, risulta essere l’unica con finalità di formazione professionale e di istruzione, oltre ad essere l’unica agenzia formativa di natura pubblica del Centro Italia. Questo permette alla Bufalini di rappresentare una certezza e un punto di riferimento sempre più importante per le aziende del territorio che fanno richiesta quotidianamente di personale qualificato in grado di entrare da subito nel mondo del lavoro