Arriva “The Sleeping Tree” in città con l’associazione “Jam”

CITTA’ DI CASTELLO – Con l’estate arriva “The Sleeping Tree”. L’associazione culturale «Jam» torna a proporre musica di gran qualità, portando in città “The Sleeping Tree” per un evento che si terrà domenica a partire dalle 20 nel giardino del museo di Tela Umbra. “The Sleeping Tree” è il moniker dietro il quale si cela il cantautore triestino Giulio Frausin, già bassista della reggae band Mellow Mood. In questo suo progetto solista, Frausin, propone un evocativo American folk che incarna lo stesso stile che fu di Elliott Smith o del Damien Rice di “O”. E proprio con Elliott Smith si misura, reinterpretando magistralmente “Going Nowhere”. I suoi emozionanti concerti lo hanno portato in tutta Italia, in Finlandia, Germania e Polonia, anche esibendosi assieme ad artisti internazionali come Kaki King, Of Monsters and Men, Daughter. Dopo un album e un Ep autoprodotti, ha pubblicato nel 2013 Painless, uscito per “La Tempesta International” e prodotto da Paolo Baldini (Tre Allegri Ragazzi Morti, Mellow Mood). «Colours», in uscita a gennaio 2015 ancora per La Tempesta, raccoglie una manciata di remix realizzati da giovani artisti italiani come Ioshi, Bound, Niam. “Quello di The Sleeping Tree – spiega Michele Pazzaglia – è un concerto che abbiamo voluto fortemente perché riteniamo che Giulio, sia uno dei più brillanti esempi dell’ottimo stato di forma della musica indipendente italiana. Lontano dagli stadi e dalle luci della ribalta si muove un “artigianato musicale” a cui ben volentieri diamo il nostro contributo. Questa volta abbiamo pensato di farci ospitare in una autentica perla del centro storico: il giardino del museo della “Tela Umbra”. Ci siamo rivolti al pres. Luciano Neri, che ha sposato la nostra iniziativa con impareggiabile entusiasmo. Abbiamo scelto una data importante che è la “Festa Europea della Musica”; per ora si tratta di un’ adesione simbolica alla manifestazione, a cui speriamo di poter dare un seguito negli anni a venire”. Le porte del giardino apriranno alle 20 quando sarà possibile cenare con i prodotti biologici dell’azienda “Il Lombrico Felice”. A fare da apripista a “The Sleeping tree” ci penserà “Il Taffo”, un cantautore tifernate da scoprire con attenzione, che presenterà i brani inediti contenuti nel primo advance tape registrato quest’inverno nello studio di Jam.

Ancora una volta, perciò, Jam pone attenzione all’interazione fra la buona musica del nostro territorio e realtà ormai affermate provenienti da tutta Italia.

L’ingresso al giardino avverrà da via dello Scorticatoio e gli orari previsti saranno rispettati piuttosto rigorosamente. In caso di pioggia la manifestazione, previa comunicazione sui canali web di Jam, si sposterà invece presso la Sala di S. Cecilia in via dei Fucci, messa gentilmente a disposizione dall’ associazione “Politheater Teatro” .