Appuntamenti in serie per il Cai tifernate fra Sardegna e il Trentino

CITTA’ DI CASTELLO – Il Cai tifernate si appresta ad affrontare il trekking più impegnativo e arduo d’Italia il «Selvaggio Blu» in Sardegna. Un itinerario estremamente impegnativo sull’orlo estremo  di una falesia verticale, di cinquanta chilometri che tra cale e mulattiere partendo da Pedra Longa arriva sino a Cala Sisine. Di una bellezza travolgente quanto faticoso e difficile. Creato negli anni ’80 da due alpinisti italiani, Mario Verin e Peppino Cicalò “che per primi, affascinati dalla bellezza selvaggia di questo tratto di costa, hanno faticosamente percorso tratti di sentieri dei pastori e delle loro greggi e tratti di antiche mulattiere dei carbonai di fine ’800, unendole con percorsi cercati e scoperti a fatica tra i calcari e la vegetazione del Supramonte.” Un primo maggio in vetta al Monte Catria costituisce la destinazione dell’escursione che avrà inizio da Bocca della Valle (m. 1150), sul versante sud/ovest del Monte Acuto; da qui l’escursione prosegue precorrendo un tratto del Sentiero Italia e, oltrepassando la Fonte del Faggio ed il Rifugio Fonte della Vernosa, si raggiunge la vetta del Catria (m 1701). Infine il Cai ricorda il «Trento Film Festival» che si terrà a Trento dal 28 aprile a domenica 8 maggio. Questa è una rassegna di ampio e considerevole spessore culturale ed è la più importante manifestazione sulla montagna a livello mondiale. Alpinisti, registi, scrittori, artisti, tutti partecipi di questo evento davvero unico.