Anche la presidente della Regione, Catiuscia Marini, in visita alla mostra internazionale di arte presepiale: “Fra le piu’ importanti a livello nazionale”

CITTA’ DI CASTELLO – “E’ una bellissima mostra. Città di Castello dimostra di essere da anni un luogo di grande qualità nell’ospitare questo evento.

Io l’ho visitata diverse volte ed ho apprezzato anche le scelte che in questa edizione l’associazione che la promuove ha deciso di mettere in pratica come per esempio il bel presepe dedicato all’attraversamento del Mediterraneo dei migranti, diverse opere dell’arte presepiale napoletana, il ritorno a Città di Castello degli amici di Cascia colpiti dal terremoto: tanti significati anche civili e sociali. Mi ricordo con tanto affetto l’impegno e la passione che Gualtiero Angelini ha sempre messo nell’allestire questa mostra che a pieno titolo può essere definita una fra le più importanti a livello nazionale che si svolge fuori dalla regione principe del presepio che è la Campania, sempre all’altezza della qualità e della critica”.

E’ quanto dichiarato dalla Presidente della Giunta Regionale dell’Umbria, Catiuscia Marini, in visita alla Mostra Internazionale di Arte Presepiale di Città di Castello, giunta alla 19esima edizione, presso la cripta della Cattedrale. La governatrice dell’Umbria, accompagnata dal sindaco, Luciano Bacchetta, dall’assessore regionale, Fernanda Cecchini, dall’assessore comunale, Luca Secondi e dal Presidente e Vice-Presidente dell’Associazione Amici del Presepio, “Gualtiero Angelini”, Lucio Ciarabelli e Claudio Conti, ha avuto modo di apprezzare la varietà e qualità artistica delle numerose opere esposte.

 

Nel frattempo stanno riscuotendo successo di pubblico (tanti visitatori) e critica anche i due presepi allestiti fuori Città di Castello, a Perugia, presso il Palazzo della Provincia e Milano nel chiostro di Palazzo Marino. Un presepe, realizzato dal compianto maestro artigiano, Silvio Bambini, è stato collocato a palazzo comunale accanto all’albero di Natale al secondo piano: un’altra testimonianza di attaccamento e connubio doveroso con le istituzioni locali che sarà ripetuta negli anni.

Le immagini