fbpx

Anatocismo e non solo al centro dell’incontro della Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo

AREZZO – Dopo il successo registrato nel 2016 con la serie di incontri sulla finanza d’impresa, la Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo ha aperto il 2017 con i seminari sulle recenti innovazioni normative che hanno riguardato la capitalizzazione degli interessi e dell’anatocismo bancario. Tali innovazioni gravano sugli istituti di credito e colpiscono i correntisti chiamati a rilasciare il consenso espresso per l’autorizzazione preventiva all’addebito in conto corrente degli interessi maturati e esigibili da parte della banca, mediante sottoscrizione dell’apposita clausola, in vista della prima imminente scadenza di marzo.

seminario-13-febbraio-foto-2
Il primo seminario del 2017 ha avuto come tema le «Innovazioni normative introdotte in materia di capitalizzazione degli interessi: fine dell’anatocismo bancario?» e si è svolto lunedì, 13 febbraio, ad Arezzo, nel Campus Universitario in collaborazione con l’Università di Siena ed il Polo Universitario Aretino e con il patrocinio della Camera di Commercio di Arezzo.
Il convegno si è aperto con il saluto ai partecipanti e le parole introduttive del direttore generale della Banca di Anghiari e Stia Fabio Pecorari ed ha consentito ai presenti di approfondire temi attuali di grande interesse relativamente al rapporto tra banca e impresa. Si sono susseguiti interventi di illustri esperti del settore come quello effettuato dal magistrato del tribunale di Arezzo Marco Cecchi che ha chiarito il quadro normativo. La parola è successivamente passata all’avvocato Pierfrancesco Bartolomucci, professore dell’Università Napoli Parthenope e membro Abf Banca d’Italia, che ha illustrato ai presenti le controversie in tema di anatocismo bancario ed il ruolo dell’arbitro bancario e finanziario. L’ultimo illustre intervento è stato quello dell’avvocato Lorenzo Gerini, rappresentante della Federazione toscana banche di credito cooperativo, area compliance, ufficio legale, che ha puntato l’attenzione sull’adeguamento del sistema bancario alle nuove disposizioni e spiegato le novità sull’importante tema della gestione dei rapporti bancari e del pagamento degli interessi creditori e debitori. L’incontro ha realizzato lo scopo di sensibilizzare le platee in relazione alla capitalizzazione degli interessi e dell’anatocismo bancario e sarà replicato a Città di Castello venerdì 24 marzo.