Afor concede i Laghi Spada al Comune

CITTÀ DI CASTELLO – Sport all’aperto e rispetto per l’ambiente: i giochi tradizionali sembrano fatti apposta per simboleggiare la ripartenza nella Fase 2 dell’emergenza da Covid-19 e a Città di Castello a preparare il terreno ci hanno pensato Comune e Agenzia Forestale Regionale, che hanno raggiunto un accordo per valorizzare l’attività del ruzzolodromo e del parco naturale dei Laghi Spada.

“In base all’intesa – spiega l’assessore allo Sport Massimo Massetti – la zona, che ospita il percorso di gioco e un edificio polifunzionale, è stata affidata al Comune dall’AFOR, che ne è proprietaria, con la finalità condivisa con l’amministratore unico Manuel Maraghelli di promuovere la pratica sportiva, ma anche la salvaguardia di un sito di interesse comunitario, insieme alle attività ricreative, naturalistiche, sociali, culturali e di servizio alla cittadinanza che possano farne un punto di riferimento per gli appassionati di giochi tradizionali, ma anche per gli amanti della natura”. La concessione in uso al Comune (valida per cinque anni e rinnovabile per un ulteriore quinquennio) farà da viatico all’affidamento della gestione dell’area in sub-comodato, che avverrà mediante una procedura selettiva pubblica, secondo le previsioni del regolamento per l’affidamento dei contratti di gestione degli impianti sportivi comunali.

“Siamo convinti che questa possa essere la soluzione ideale per favorire una fruibilità ottimale dell’area, che è collocata lungo un itinerario naturalistico di grande pregio come l’asta del Tevere ed è servita da una pista ciclo-pedonale che è un fiore all’occhiello per la vallata”, puntualizza l’amministratore unico dell’AFOR Maraghelli, nel rimarcare il fatto che “sinergie come questa con il Comune di Città di Castello, che ha da sempre forti vocazioni a sostenere lo sport e a salvaguardare l’ambiente, siano lo specchio della volontà dell’agenzia di porsi come fattore di promozione delle risorse ambientali, economiche, sociali e culturali dei territori che con i propri servizi contribuisce a valorizzare, nel solco del ruolo fondamentale svolto storicamente dalle Comunità Montane”.

Nelsottolineare “la sensibilità e la disponibilità dell’amministratore unico Maraghelli”, l’assessore Massetti richiama l’attenzione sul fatto che “l’accordo consentirà di perseguire con efficacia gli obiettivi di conservazione e valorizzazione della zona umida dei Laghi Spada, in funzione dei quali la Regione ha finanziato con il Programma P.O.R. – F.E.S.R. 2007/2013 la sistemazione dell’area e la riqualificazione funzionale dell’edificio esistente per farne un parco naturale, ma anche di dare impulso alla pratica e alla conoscenza dei giochi tradizionali, che nel nostro territorio, grazie agli appassionati, mantengono ancora vivi i legami con le radici della comunità tifernate”. Sotto il patrocinio della Federazione Italiana Giochi e Sport Tradizionali il ruzzolodromo ha infatti già ospitato gare di lancio della ruzzola, rulletto, della forma di formaggio e di boccia su strada promosse dagli sportivi locali, beneficiando della disponibilità della struttura polifunzionale dove sono stati realizzati servizi igienici, una cucina e uno spogliatoio.

“La volontà dell’amministrazione è quella di far gestire l’area in modo che possano essere pienamente sfruttate a beneficio della collettività le potenzialità naturalistiche, sportive, sociali e culturali accentuate dagli importanti investimenti che sono stati effettuati”, conclude Massetti.