A Montone si rinnova l’ostensione della Santa Spina

MONTONE – Torna a Pasquetta e, come detta la tradizione, l’appuntamento con la “Donazione della Santa Spina”. Lunedì 6 aprile a Montone sarà, infatti, celebrato uno dei più importanti appuntamenti del periodo pasquale. Durante tutta la giornata sarà esposta la reliquia della Sacra Spina nella chiesa Collegiata. Il reliquiario della Santa Spina, recentemente restaurato, è stato realizzato dal Maestro argentiere Santi Lotti, nato a Viterbo nel 1599, lavorò a Roma tra il 1629 e il 1659 e fu tra i personaggi di maggiore spicco della scena romana del Seicento. La manifestazione della “Donazione della Santa Spina” decanta la donazione al popolo montonese, da parte del conte Carlo Fortebracci, figlio del noto condottiero e capitano di ventura Braccio, della spina facente parte della corona che cinse il capo del Redentore. L’anno di grazia 1473 il Conte Carlo de Fortebracci Generale delle Milizie della Serenissima Repubblica di Venezia, ricacciati i Turchi dai confini veneti, ebbe in dono dall’ Arciprete della villa di Tugnano, una spina della corona di N.S. Gesù Cristo. Il Conte Carlo, tornato a Montone, fece dono della Santa Spina al popolo arietano e questa fu collocata, per la devozione di tutti, nella chiesa di San Francesco dei Minori Conventuali. La venerazione della Santa Spina fu sempre molto fervida, tanto che nel 1635 essa fu esposta in un ricco reliquiario d’argento finemente cesellato e fu stabilito di far la festa con grande solennità il Lunedì di Pasqua d’ogni anno. Nel 1638 fu disposta la seconda ostensione dell’anno. I documenti dell’archivio storico attestano che per la festa del Lunedì di Pasqua, da ogni parte della regione era tutto un accorrere di gente. La preziosa reliquia attira, anche nei giorni nostri, un’infinità di persone da ogni parte d’Italia, sia il Lunedì di Pasqua, sia la settimana della penultima domenica d’agosto, giorni fissati dalla tradizione per la sua ostensione. 

Il programma:

ore 10,30

Piazza Fortebraccio: lettura proclama del Gran Gonfaloniere, Corteo Storico della Donazione della Santa Spina per l’offerta dell’olio da parte del Sindaco del Comune di Montone alla lampada votiva della Santa Spina, a partire dalle 11,30

Chiesa Collegiata: messa solenne celebrata da S. E. il Vescovo di Città di Castello, Mons. Domenico Cancian. Il Reliquiario della Santa Spina sarà visitabile durante il pomeriggio presso la Chiesa Collegiata alle ore 15

Piazza Fortebracci: mercato medievale dei mestieranti del Contado e dei Castelli vicini, poi “Alla ricerca del Tesoro nel Castello di Braccio da Montone”, una caccia al Tesoro per famiglie con bambini e ragazzi, a cura del Sistema Museo.

Eventi collaterali: dalle 11 alle 18 nel Chiostro di San Francesco “Action Aries” estemporanea di Pittura in omaggio alla Santa Spina. Mentre nel museo comunale Dame e Cavalieri alla Corte di Braccio fortebraccio”, un laboratorio creativo per bambini a cura di Sistema Museo, dalle 10,30 alle 13 e dalle 15,30 alle 18.

Info: 075.9306535 – 328 9676306

1